.
Annunci online

un abbonato a Il Fatto
post pubblicato in diario, il 29 settembre 2009
Salve, sono molto contento di essermi abbonato e aspetto scalpitando, da ormai una settimana, la mezzanotte per scaricare il pdf.
Un amico mi ha portato una copia cartacea e la sua grafica (che in versione pdf perde un pò di incisività) mi ha proprio convinto.
Passo subito alle critiche, che in realtà non sono accusatorie, ma farebbero parte del "che cosa vorrei dal mio quotidiano preferito".
Il Fatto non può essere protetto. È contro ogni regola di mercato che un quotidiano neonato, sviluppatosi nella placenta della rete, non sia condivisibile dai suoi abbonati. Vorrei l'autorizzazione perchè i contenuti totali o parziali di questo quotidiano siano condivisibili nella rete, dai social network ai blog, con la condicio sine qua non di trascriverne testata, titolo articolo, autore e giorno di pubblicazione.
Altra, per me gravissima, lacuna è che la manifestazione Agende Rosse non sia finita in prima pagina.
Capisco che magari siete una redazione giovane, formata da pochi elementi e che potevate non avere personale da inviare, ma sicuramente il popolo delle piazze è il primo dei vostri sostenitori, afferma la partecipazione attiva della cittadinanza italiana alla politica, è il primo che vi chiede l'indipendenza e la verità e, secondo me, un contributo più importante glielo avreste dovuto dare.
L'articolo sulla Santanchè si poteva risolvere in un post di cinque righe, avrei dato più spazio alla nascita del Movimento di Liberazione Nazionale, che sicuramente tra i vostri lettori riscuote molto successo, o alla pubblicazione del programma dell'IDV, almeno dopo l'argomentazione dell'articolo del professor Flores d'Arcais apparso su Micromega (che io ho acquistato).
Può tranquillamente sparire la rubrica sul calcio ed essere sostituita da quell'arte contemporanea, quel teatro, quel cinema, quella musica, quegli spettacoli di danza contemporanea e da quella letteratura che trovano poco spazio su altri quotidiani.
Sottolineerei l'importanza che la rete ha avuto sulla nascita di questo quotidiano e sopratutto il movimento che opera dietro ad essa, che poi entra negli altri media (Papillo, Messora, Ricca) più visibile dallo scorso V-Day e quindi degno, come fenomeno di contestazione non partitica, di maggiore spazio.
Saluti e davvero grazie
In Fede
Umberto Pelliccia

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. il fatto

permalink | inviato da capitanoinmare il 29/9/2009 alle 20:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia agosto        ottobre
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca