.
Annunci online

10 DOMANDE AI CITTADINI
post pubblicato in diario, il 24 ottobre 2009

1.   LA LEGGE È UGUALE PER TUTTI O QUALCUNO PUÒ RESTARE IMPUNITO? OVVERO: L'ITALIA È UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA FONDATA SUL LAVORO OPPURE L'ITALIA È UNA REPUBBLICA DEMOCRATICA, PERÒ C'È LA MAFIA?

2.   SIETE STANCHI DELL'ARROGANZA CON CUI I VOSTRI RAPPRESENTANTI AL GOVERNO INTERVENGONO IN QUALSIASI PIAZZA DI DIBATTITO O TRIBUNA POLITICA FREGANDOSENE DELLE REGOLE DELLA BUONA EDUCAZIONE, NONOSTANTE SIANO RAPPRESENTANTI DEL POPOLO?

3.   PENSATE O MENO CHE UN ESPONENTE POLITICO DEBBA RENDERE CONTO AI CITTADINI DI QUELLO CHE REALMENTE LA SUA COALIZIONE HA FATTO, INVECE DI FARE CONTINUE PROMESSE O CERCARE DI COPRIRE LE DOMANDE CON FATTI NON INERENTI?

4.   PENSATE CHE TROPPO SPESSO I RAPPRESENTANTI DELL'ATTUALE DESTRA TIRINO IN BALLO L'INCUBO COMUNISTA, CHE IN REALTÀ L'ITALIA NON HA MAI VISSUTO? OVVERO SAPETE COS'È IL MACCARTISMO?

5.   IL 9 DICEMBRE RICORRE IL 40° ANNO DELLA STRAGE DI PIAZZA FONTANA. SAPETE CHE SOLO 4, TRA L'ALTRO TRA LE MENO CRUENTE, DELLE 39 STRAGI DELL'ITALIA REPUBBLICANA SONO STATE COMMESSE DALLE BRIGATE ROSSE? E NEL CASO LO SAPPIATE, VI SIETE MAI CHIESTI DA CHI SIANO STATE FATTE LE ALTRE E PER CONTO DI CHI? CREDETE SIA UN VOSTRO DIRITTO SAPERLO?

6.   PENSATE CHE L'ATTUALE OPPOSIZIONE, NONOSTANTE LE FARSE TELEVISIVE, SIA TROPPO IMPEGNATA A DIALOGARE COL "POPOLO DELLE LIBERTÀ" E CHE, QUINDI, A MOLTI ITALIANI, QUELLI CHE IN QUESTO MOMENTO AFFOLLANO LE CITTÀ CON CONTINUE MANIFESTAZIONI, MANCHI UNA RAPPRESENTANZA NEL GOVERNO E NEI SINDACATI?

7.   PENSATE CHE I FAVORI POLITICI PROMESSI IN CAMBIO DI PRESTAZIONI SESSUALI ALLE ESCORT DI VILLA CERTOSA DALL'ATTUALE PRESIDENTE DEL CONSIGLIO SILVIO BERLUSCONI SIANO O MENO GOSSIP?

8.   LA CARRIERA DI SILVIO BERLUSCONI È COSTELLATA DI PROCESSI ANDATI IN PRESCRIZIONE O ESTINTI PER INTERVENUTA AMNISTIA. 24 IN TUTTO DI CUI 4 SONO PROCEDIMENTI IN CORSO. SECONDO VOI, DATI I NUMERI E LA GRAVITÀ DEI REATI, SI TRATTA REALMENTE DI UN ACCANIMENTO DELLE TOGHE ROSSE VERSO L'UOMO ELETTO DAL POPOLO? OPPURE COLUI CHE COORDINA L'ATTIVITÀ DEI MINISTRI PUÒ DISCREDITARE L'ATTIVITÀ DELLA MAGISRATURA PUR AVENDO DEI PROCEDIMENTI PENALI IN CORSO?

9.   LA STAMPA HA IL DIRITTO DI DIRE TUTTA LA VERITÀ SENZA AVER PAURA DI FINIRE SOTTO PROCESSO? LA FNSI NON DOVREBBE COSTITUIRSI PARTE CIVILE NEL DIFENDERE IL DOVERE DEL GIORNALISTA DI INFORMARE L’OPINIONE PUBBLICA? E NON DOVREBBE TUTELARE LA CATEGORIA DA QUALSIASI GRUPPO DI PRESSIONE ESTERNO O INTERNO?

10.    MOLTI ITALIANI SONO IN CASSA INTEGRAZIONE IN QUESTO MOMENTO, SENZA NESSUNA PROSPETTIVA DI LAVORO NELL'IMMEDIATO FUTURO, MOLTI PRECARI E DISOCCUPATI STANNO AFFOLLANDO LE STRADE, MOLTE PICCOLE E MEDIE IMPRESE STANNO FALLENDO, BEH CREDETE SIA GIUSTO RILANCIARE L'ECONOMIA CON LA CEMENTIFICAZIONE SELVAGGIA, CON INCENERITORI MALFUNZIONANTI, CON L'ECOMOSTRO IMPOSSIBILE=PONTE DI MESSINA O CON LA COSTRUZIONE DI CENTRALI NUCLEARI OBSOLETE, OPERE CHE, OLTRE AD AVVELENARE NOI E ALMENO LE PROSSIME TRE GENERAZIONI, ARRICCHIRANNO POCHISSIMA GENTE, LASCIANDO TROPPI CITTADINI ITALIANI IN QUESTO MOMENTO DI ENORME DIFFICOLTÀ NELLA DISPERAZIONE PIÙ TOTALE? E QUINDI PENSATE CHE QUESTO GOVERNO SIA DEMOCRATICO?

NOBERLUSCONIDAYMILANO


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. no berlusconi day milano

permalink | inviato da capitanoinmare il 24/10/2009 alle 21:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
No Berlusconi Day del 5 dicembre 2009
post pubblicato in diario, il 20 ottobre 2009
Questo blog aderisce al No Berlusconi Day previsto nella giornata del 5 dicembre 2009. Invito gli altri blogger sensibili all'argomento a fare la stessa cosa. Per partecipare è sufficiente esporre il banner e il comunicato sottostante.


ILTESTO DELL’APPELLO

A noi non interessa cosa accade se si dimette Berlusconi e riteniamo che il finto “Fair Play” di alcuni settori dell’opposizione, costituisca un atto di omissione di soccorso alla nostra democrazia del quale risponderanno, eventualmente, davanti agli elettori. Quello che sappiamo è che Berlusconi costituisce una gravissima anomalia nel quadro delle democrazie occidentali -come ribadito in questi giorni dalla stampa estera ce definisce la nostra “una dittatura”- e che lì non dovrebbe starci, anzi lì non sarebbe nemmeno dovuto arrivarci: cosa che peraltro sa benissimo anche lui e infatti forza leggi e Costituzione come nel caso dell’ex Lodo Alfano e si appresta a compiere una ulteriore stretta autoritaria come dimostrano i suoi ultimi proclami di Benevento.

Non possiamo più rimanere inerti di fronte alle iniziative di un uomo che tiene il Paese in ostaggio da oltre15 anni e la cui concezione proprietaria dello Stato lo rende ostile verso ogni forma di libera espressione come testimoniano gli attacchi selvaggi alla stampa libera, alla satira, alla Rete degli ultimi mesi. Non possiamo più rimanere inerti di fronte alla spregiudicatezza di un uomo su cui gravano le pesanti ombre di un recente passato legato alla ferocia mafiosa, dei suoi rapporti con mafiosi del calibro diVittorio Manganoo di condannati per concorso esterno in associazione mafiosa comeMarcello Dell’Utri.
Per aderire alla manifestazione, comunicare o proporre iniziative locali e nazionali di sostegno o contattare il comitato potete scrivere all’indirizzo e-mail:noberlusconiday@hotmail.it



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. no berlusconi day 5 dicembre 2009

permalink | inviato da capitanoinmare il 20/10/2009 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
5 dicembre 2009: Una manifestazione nazionale per chiedere le dimissioni di Berlusconi
post pubblicato in diario, il 19 ottobre 2009

Preferirei fare lo stretto di Messina a nuoto andata e ritorno piuttosto che dare anche un solo euro alla mafia!
Ho capito, da tempo e inconfutabilmente, che il governo Berlusconi IV è la definitiva attuazione del piano eversivo della P2.
Un pò più divertente in realtà questa P3! Con la Signorini e "capezzolo" come portavoce, la Gelmini all'istruzione(una che si è diplomata presso il liceo privato confessionale "Arici" e che ha superato l'esame di Stato per la professione di avvocato presso la Corte d'Appello di Reggio Calabria, anche se è del bresciano, cose che in una normale democrazia la direbbero lunga sulle sue competenze scolastiche), quel fascistone guerrafondaio di La Russa alla difesa(:!), Calderoli alla Semplificazione Normativa (ho profondi dubbi che sappia leggere), angelina Alfano alla giustizia, la brambilla la cocafascista al turismo, Messainpiega Rafilino Fitto agli Affari Regionali, Andrea Ronchi "cUORE nERO" alle Politiche Europee, la Brunetta alla Pubblica Amministrazione e Innovazione=come ti smantello l'Italia, Giorgia Meloni Ministro del Fronte della Gioventù, la zoccovelina gerontocratica alle pari opportunità... Sacconi (altrarisorsa ministro del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali(:|), tremorti all'antiEconomia e Finanze selvagge, Claudio Scajola allo Sviluppo Economico (praticamente quello che fu "costretto a dare ordine di sparare"sui manifestanti al g8 di Genova, quello che tolse la scorta a Marco Biagi, quello che ha fatto istituire il volo da Albenga, 33 chilometri da Imperia, città natale del ministro e suo collegio elettorale, a quello di Roma Fiumicino con massimo storico di passeggeri registrati di 18 unità, pagato con le nostra tasche, pescando dal milione di euro che il governo Berlusconi aveva messo a disposizione dei collegamenti aerei fra le aree più "decentrate"):|), il favoreggiatore degli abusi edilizi Altero Matteoli ai trasporti (strano glielo avrei dato a Scajola!)e, finendo coi ministri, Bondi Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, il "poeta di locipposoloalnano" che ha affidato a Mario Resca, ex amministratore delegato di McDonald's, la direzione del progetto di gestione e sviluppo dei musei italiani (è vero non sto scherzando!!!).

Voi italiani ancora sani, non inebetiti dal bombardamento mediatico, che non pensate che fare shopping possa sostituire la ricerca della vostra felicità, che non credete in tutto quello che cercano di imboccarvi, che non delegate nessuno per la costruzione della vostra democrazia o per decidere quali siano le vostre libertà, tantomeno il tesserato 1816 della p2, sopratutto se ha questi minictri così ehm inadeguati che compongono il suo governo... cosa avete intenzione di fare?
<


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. p3 governo berlusconi iv

permalink | inviato da capitanoinmare il 19/10/2009 alle 20:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
su Annozero di ieri: gli ometti tendono ad ascoltare se si mette in discussione la loro virilità
post pubblicato in diario, il 16 ottobre 2009

Caro on. Bersani, sono un cittadino (nè solo nè semplice).
Mi chiamo Umberto Pelliccia, ho 38 anni, faccio il consulente informatico, sono un napoletano e vivo a Milano.
Alla trasmissione Annozero di ieri (15 ottobre 2009) avrei preferito che, invece di fare, tranne in pochissime occasioni, il gnocco fritto (CIT. Micromega 5/2009) con il trio delle Norne: Belpietro, Castelli e Lurch II la vendetta, avrebbe dovuto inasprire i toni! Gli elettori di oggi sono stanchi di essere rasserenati, hanno bisogno di guide forti che sappiano rappresentarli.
Visto che probabilmente sarà cresciuto in un ambiente che l'ha sollevata per la maggior parte della vita da uno scontro dialettico con questa arrogante e improponibile destra, mi permetto di metterle io le parole in bocca:
"Trovo veramente di cattivo gusto questo strepitare da ragazzette tese a conquistare il tronista della settimana senza nessuna risorsa personale, nessuno strumento. Se avete qualcosa di convincente da dire agli italiani, bene, siete i benvenuti, altrimenti rivangare continuamente quello che ha fatto nel male o nell'assurdo la sinistra in sessant'anni di democrazia significa solo screditare l'intelligenza degli italiani. Che leggono la storia e la conoscono e che, visto che vi pagano uno stipendio che in un periodo di crisi vi siete anche aumentati, meriterebbero almeno un pò di rispetto per la loro intelligenza. E invece li offendete continuando a fare del revisionismo da sgallettate di una microscopica provincia, cresciute in mezzo ad un nulla assoluto che il nostro Paese non conosce ed entrate in politica solo per fare le veline che tengono continuamente banco col solo scopo di ammiccare alla telecamera, aldilà della qualità di quello che dicono. Essendo personaggi pubblici di potere dovreste dare il buon esempio! E invece voi praticate il diritto di rappresaglia in ogni modo e non fate nient'altro che sbraitare contro l'avversario politico, come se dicesse solo stronzate e voi foste i soli detentori della verità! Ho profondi dubbi, nonostante il vostro continuo sbandierare la vostra virilità, su quali siano i vostri modelli, se ne avete... Anche perchè comunque siete una manica di xenomofobi, maccartisti e collusi con la mafia e con la P2 e se cercate di convincere gli italiani con questi atteggiamenti, siete dei balordi, il che la dice lunga sul vostro livello individuale e culturale."
Che la Binetti esca dal PD è pacifico
Saluti.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. annozero 15 ottobre 2009

permalink | inviato da capitanoinmare il 16/10/2009 alle 13:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
L'indebitamento selvaggio
post pubblicato in diario, il 15 ottobre 2009
"L'indebitamento selvaggio" di Antonio Di Pietro | 15 Ottobre 2009
Tieniti aggiornato: www.antoniodipietro.it

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tremonti

permalink | inviato da capitanoinmare il 15/10/2009 alle 23:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
da il Fatto 14 ottobre 2009
post pubblicato in diario, il 14 ottobre 2009
Giustizia a rischio caos per i tagli di Alfano & C.
Mancano all’appello 900 milioni. Mentre ministro e sottosegretari si concedono l’aumento
di Marco Lillo

Q uando il sottosegretario del Pdl, Giacomo Caliendo, si è presentato ieri in Commissione Giustizia del senato per presentare i progetti del Governo per l'annata 2010, si è capito qual è la sua idea di giustizia. Nulla a che vedere con l’accorciamento dei tempi dei processi e con la qualità del servizio. Il Governo ha deciso una serie impressionante di tagli: 70 milioni in meno all’amministrazione penitenziaria, 73 milioni in meno per i detenuti. Anche Giancarlo Caselli è servito. Il procuratore generale di Torino, sulle poltrone di Ballarò, aveva tentato di spiegare a Maurizio Gasparri (mentre il capogruppo del Pdl inveiva contro i giudici fannulloni) che gli uffici chiudono alle 14 perché non ci sono i cancellieri. E che i cancellieri non ci sono perché mancano i soldi. Per tutta risposta il Governo ha ridotto di 356 milioni le spese per il personale. Non basta. Avendo appena varato una legge sull’immigrazione clandestina che porterà un aumento del ricorso alla difesa d’ufficio, la scure di Tremonti ha colpito proprio sul gratuito patrocinio: meno 246 milioni di euro. Se si aggiungono i 350 milioni tolti alle spese correnti, si arriva alla somma mostruosa di 900 milioni in meno. Secondo il senatore Luigi Li Gotti, dell’Italia dei Valori, "con questi tagli, i tribunali non riusciranno ad andare oltre il giugno del 2010. E la cosa strana", continua Li Gotti, "è che c’è un solo aumento, del 15 per cento, proprio per il fondo degli stipendi del ministro e dei sottosegretari". Una scelta in linea con l’approccio al problema della maggioranza. Il centro dei tavoli tecnici che si succedono tra Palazzo Grazioli e via Arenula, il cuore dei conciliaboli tra l’avvocato Niccolò Ghedini e il ministro Angelino Alfano, non è certo il destino dei milioni di italiani che attendono risarcimenti civili, condanne o assoluzioni in tribunale. Ma il destino dei pochi processi di Silvio Berlusconi, quelli che - dopo la bocciatura del Lodo Alfano - impegnano giorno e notte le migliori menti del Pdl. Al Consiglio dei ministri di domani, per esempio, era atteso un provvedimento in materia di carceri che doveva portare una boccata di ossigeno nelle celle dove sono accatastati 64 mila esseri umani in spazi angusti. Ma il sottosegretario Caliendo ha fatto capire che il grande "piano Ionta" (dal nome del pm scelto da Alfano per dirigere il Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria) non è ancora pronto. I duemila posti derivanti dal promesso ampliamento delle carceri, possono attendere. Sono altre le priorità.

Si parla di Immunità, separazione delle carriere, ma non bisogna crederci troppo. Sono fuochi di artificio lanciati in aria per distrarre e dividere il campo avverso. Mentre Marco Follini agita il Pd con le sue dichiarazioni a favore del ripristino dell’autorizzazione a procedere, al ministero si pensa ad altro. Per cambiare l’articolo 68 della costituzione o per dividere davvero i pm dai gip bisognerebbe avere una maggioranza di due terzi in parlamento e nessuno oggi può sognare di avere l’appoggio del pd (Follini a parte) su temi simili. I veri obiettivi sono altri. Il primo è l’approvazione immediata della norma che impedisce di usare una sentenza definitiva come prova in un altro processo. E’ una norma contenuta nella riforma della procedura penale che sembra fatta apposta per l’imputato più famoso d’Italia. Se il Pdl, come appare probabile, stralciasse questa norma dal disegno di legge, potrebbe riuscire ad approvarla entro dicembre. In modo da chiudere per sempre il processo per la corruzione del testimone David Mills a carico di Silvio Berlusconi. I pm dovrebbero rifare tutto da capo e l’orizzonte penale del premier diverrebbe improvvisamente azzurro. L’altro provvedimento destinato a ricevere nuovo slancio dopo la bocciatura del Lodo Alfano è il disegno di legge sulle intercettazioni. Il niet dei giudici della Consulta ha fatto saltare gli ultimi freni inibitori del premier. Appena è tornato sotto le forche caudine dei pm, Silvio Berlusconi è ritornato su una sua vecchia idea: cambiare il disegno di Alfano in modo da spuntare ancora di più le unghie ai pm. "Le intercettazioni devono restare solo per i reati gravi", ha detto il presidente del Consiglio. Nel mondo sognato dal Cavaliere, solo i terroristi e i mafiosi starebbero in ansia al telefono mentre fanno i loro traffici. Mentre corrotti e corruttori potrebbero iscriversi finalmente al Partito della Libertà di trafficare al telefono. Un emendamento potrebbe introdurre questa modifica subito al Senato. Così, prima di Natale, il regalo sarà già impacchettato sotto l’albero di Palazzo Grazioli.

Per il Cavaliere le priorità sono le intercettazioni e la norma che blocca il processo Mills


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo berlusconi iv

permalink | inviato da capitanoinmare il 14/10/2009 alle 11:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Agorà 17
post pubblicato in diario, il 13 ottobre 2009

"Il vecchio George Orwell aveva capito tutto, ma al rovescio.
Il Grande Fratello non ci osserva.
Il Grande Fratello canta e balla.
Tira fuori conigli dal cappello.
Il Grande Fratello si dà da fare per tenere viva la tua attenzione
in ogni singolo istante di veglia.
Fa in modo che tu possa sempre distrarti.
Che sia completamente assorbito.
Questo significa lasciarsi imboccare, ed è peggio che lasciarsi spiare.
Nessuno deve più preoccuparsi di cosa gli passa per la testa,
visto che a riempirtela in continuazione ci pensa già il mondo.
Se tutti quanti ci ritroviamo con l'immaginazione atrofizzata,
nessuno costituirà mai una minaccia per il mondo."
Ninna nanna - Chuck Palahniuk - 2003
Quanta arroganza! Se l’arroganza diventa l’unico argomento di un Governo bisogna iniziare a chiedersi se si sta parlando di persone che rappresentano gli interessi dei cittadini italiani o di gente che occupa poltrone destinate a scopi più alti, solo per interesse personale.
Mi riferisco sopratutto al diritto di rappresaglia, molto in voga tra questa improponibile destra, esercitato a mezzo stampa e precedentemente adottato solo dai nazisti e dai talebani.
Il motto è "SE CRITICHI IL MIO OPERATO TI AFFONDO"
Vi inviterei a leggere certi giornali e a guardare certa televisione in maniera più critica, non passivamente da sudditi, ma con un minimo di curiosità per la verità.
Molta gente, inconsapevole mi chiede: "perchè fate questo? Perchè non lo lasciate lavorare?"
Rispolveriamo insieme allora che cosa ha fatto il governo Berlusconi IV fino ad adesso:
  1. scudo fiscale che è solo un condono pro-mafie
  2. lodo alfano che è incostituzionale
  3. non è ancora stata abbattuta la pressione fiscale come garantito dalla beffa che fu il contratto con gli italiani
  4. è diventato più difficile se non impossibile l’accesso agli ammortizzatori sociali
  5. c’è mancanza di provvedimenti per affrontare l’attuale, ampiamente diffusa e conclamata crisi, sopratutto per le piccole e medie imprese che sono da anni alla cannola del gas.
  6. Proposta di piani di cementificazione selvaggia come unico modo per uscire dalla crisi.
  7. Proposta di costruire nel nostro Paese le centrali nucleari da noi respinte nel referendum dell’8 novembre 1987 e quindi delegittimazione dei diritti dei cittadini italiani.
  8. Nel frattempo l’Italia continua ad essere avvelenata dalle navi dei veleni di Cosenza, dall’ILVA di Taranto, dagli inceneratori, dall’improponibile anche per il Parlamento Europeo quota di emissione di CO2, dai milioni di discariche abusive.
  9. Ci ha gettato nel ridicolo coi suoi comportamenti inadeguati in tutta la stampa e opinione pubblica mondiale
  10. ha tolto l’ICI, certo, ma quanto ci è costato? Chi non sa dei tagli improponibili all’istruzione, alla sanità, ai trasporti, ai fondi del credito d’imposta per le imprese del mezzogiorno, agli interventi per la casa, ai fondi destinati alla cooperazione allo sviluppo, ai fondi sulla sicurezza delle scuole e del territorio, - 20 milioni del Fondo per la lotta e la Prevenzione delle Violenze istituito dal governo Prodi,e ovviamente anche il contributo di 1,5 milioni di euro per Telefono Azzurro è stato colpito dalla Mannaia del Ministro Tremonti. Vorrei inoltre ricordare che la finanziaria Berlusconi ha cancellato un altro milione di euro destinato sempre alla difesa del suolo, così come sempre il decreto 112/2008 ha cancellato altri 45 milioni di euro (15 l'anno per tre anni) destinati all'abbattimento di ecomostri situati in aree di particolare pregio individuate dall'Unesco.

Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo berlusconi iv

permalink | inviato da capitanoinmare il 13/10/2009 alle 16:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
in rif: al protocollo d'intesa tra il Ministero dell'Ambiente e la Direzione Nazionale Antimafia al fine di contrastare l'infiltrazione della criminalità organizzata nel mercato dello smaltimento dei rifiuti.
post pubblicato in diario, il 13 ottobre 2009
Carissimo on. Luigi De Magistris, 
sono un cittadino italiano, iscritto all'IDV e turbato parecchio da come questo governo intende risolvere l'emergenza tossica che ci sta avvelenando lentamente, affidandola all'attuale Ministro dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e all'attuale Procuratore Nazionale Antimafia. Ma stiamo scherzando? 
Cioè stiamo parlando della Prestigiacomo (
CIT: wikipedia
"La Sarplast dell’attuale ministro dell’ambiente fallì nel 1997 a causa di una serie di incidenti e malattie dei dipendenti e nel 2000 finì sotto inchiesta da parte della Procura di Siracusa con un fascicolo che parla di lesioni colpose. 3 operai hanno avuto figli con malformazioni congenite, altri operai non fumatori si son ritrovati dopo 10 anni polvere nei polmoni, un dipendente morì cadendo da un traliccio, pochi mesi prima un altro dipendente rimase gravemente ferito. Un’irruzione della Polizia nelle aziende dei Prestigiacomo rilevò una serie di violazioni. 
La procura di Siracusa indaga sul fallimento della Sarplast poiché sono venuti a galla ammanchi di diverse decine di miliardi di vecchie lire sottratte alle casse della società madre e di quelle controllate, attraverso numerose operazioni illecite. 
Alle grane che riguardano salute e la sicurezza dei dipendenti delle aziende dei Prestigiacomo, si aggiunge la grana del crack Sarplast e le pendenze col fisco per 6 miliardi di vecchie lire accumulate in un triennio. 
Il maxiemendamento del precedente governo Berlusconi che escluse dalla punibilità i reati tributari e quelli connessi al loro occultamento, permisero alla Procura siciliana di avviare un'indagine per bancarotta poiché nel 2003, l’allora presidente Ciampi non firmò la tanto agognata amnistia." 
e di Piero Grasso entrato a far parte della Procura Nazionale Antimafia con una modifica legislativa della compagine di mafiosi/pidduisti/maccartisti/avvelenatori all'attuale Governo che la Corte Costituzionale ha dichiarato illeggittima? (
CIT: wikipedia
"Essendo probabile nel 2005 la nomina di Caselli a Procuratore Nazionale Antimafia il governo Berlusconi III per evitare questo effettua una modifica legislativa. Viene quindi presentato un emendamento dal senatore Luigi Bobbio (AN) alla legge delega di riforma dell'ordinamento giudiziario (la cosiddetta "Riforma Castelli"). Con questo emendamento, Caselli non poté più essere nominato per quel ruolo per superamento del limite di età. La Corte Costituzionale, successivamente alla nomina di Piero Grasso quale nuovo Procuratore Nazionale Antimafia, dichiarò illegittimo il provvedimento che aveva escluso il giudice Gian Carlo Caselli dal concorso." 
e loro dovrebbero riflettere e coordinare queste informazioni? 
Sarebbe come dare la gestione della balneazione a dei piranha!!! 
E dato anche che la gestione della ricerca del cancro è affidata all'"on." 
Veronesi dichiaratosi favorevole all'incenerimento dei rifiuti e alle centrali nucleari, possiamo stare pur certi, per teorema e non per ipotesi, che le navi dei veleni resteranno sommerse, che l'ILVA continuerà a contaminare Taranto, che l'Italia diventerà il regno del cemento e della diossina e che, presto, moriremo tutti di cancro. 

Chiedo un Suo intervento, per favore. 
allegato: 
http://video.palazzochigi.it/prestigiacomo071009.asx
sullo scudo fiscale e sulle assenze del pd
post pubblicato in diario, il 10 ottobre 2009
Come cittadino italiano chiedo la radiazione dall’Albo Nazionale Avvocati per inadeguatezza di "Mavalà" Ghedini detto Lurch che ha ribadito il 6 ottobre 2009 davanti alla Corte Costituzionale al Palazzo della Consulta "La legge è uguale per tutti, ma non necessariamente lo è la sua applicazione" e quindi reo di aver trascinato il suo maggior cliente a una sconfitta senza precedenti, senza la conoscenza almeno scolastica della Nostra Costituzione . Ricordo che quest’uomo è contemporaneamente l’avvocato personale di Berlusconi, un deputato di Berlusconi e il rappresentante legale del Governo Berlusconi. 
Vergogna per questa inadeguata opposizione che con le sue assenze ha fatto passare lo scudo fiscale! Che di scudo fiscale ha ben poco e che in realtà è un condono pro mafie, che leggittima l’illegalità in Italia. Vergogna al PD e a Franceschini che in una intervista di Alex ci aveva promesso serie sanzioni per i deputati assenti al momento del voto finale sullo scudo fiscale.  Faccio i nomi: Ileana Argentin, Paola Binetti, Gino Bucchino, Angelo Capodicasa, Enzo Carra (motivi di salute), Lucia Coldurelli, Stefano Esposito, Giuseppe Fioroni, Sergio D'Antoni (che fa sapere di essere ricoverato in ospedale), Antonio Gaglioni, Dario Ginefra, Oriano Giovanelli, Gero Grassi, Antonio La Forgia, Marianna Madia (anche per lei motivi di salute), Margherita Mastromauro. Ed ancora: Lapo Pistelli con Linda Lanzillotta e Giovanna Melandri (che cosa ci fosse di più importante per il PD a Madrid del voto finale sullo scudo fiscale è un  mistero), Massimo Pompili, Fabio Porta, Giacomo Portas. Dalle notizie in mio possesso fino ad adesso c’era la remota probabilità di espellere Gaglioni dal gruppo parlamentare del PD e un cartellino giallo per la Binetti che difficilmente riuscirà a convincere i colleghi che il convegno della Croce Rossa valeva più della seduta in aula e che è stata la prima a scagliarsi in questa settimana contro Gaglioni. ..............La teodem!..........  Ricordo che Gaglioni che ha giocato d’anticipo passando al Gruppo Misto,  come da copione degno di un suo avversario di questa improponibile destra, ha prontamente ricattato il partito. Non dicendo che è stato assente in aula in ben 4045 votazioni, ma che il partito ce l'avrebbe con lui perchè nel 2008 denunciò i mali nel governo della sanità barese, anticipando di un anno la vicenda di Tarantini e delle sue putas. 
Gradirei che il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano respingesse, rivolgendo un monito ai mittenti, i decreti legge incostituzionali come lo scudo fiscale. Cito la sua dichiarazione rilasciata alla stampa "Nella Costituzione c‘è scritto che il Presidente promulga le leggi. Se non firmo oggi il Parlamento rivota un’altra volta la stessa ed è scritto che a quel punto io sono obbligato a firmare. Questo non lo sapete? Se mi dite "non firmare" non significa niente".
 Vorrei ricordare a tutti che è proprio la Costituzione che affida al capo dello Stato il compito di rimandare le leggi alle Camere controllando in prima istanza la loro costituzionalità.
Vorrei rivolgere, da cittadino, un monito all’on. GiulioTremonti il quale ha dichiarato che le banche stanno preparando una nuova crisi! In questo modo ha cercato di deresponsabilizzare il governo per non avere un piano per contrastare quella attuale-ampiamente condivisa e conclamata. Ricordo che ad Annozero del 26 febbraio 2009 ci raccomandò di chiudere i libri di economia e di aprire la Bibbia, ma forse perchè aveva scoperto di non essere abbastanza capace come Ministro dell’Economia e delle Finanze e nonostante ciò, non aveva nessuna intenzione di dimettersi? 
Cito un articolo comparso sul blog di Beppe Grillo riguardante lo Scudo Fiscale "Lo Scudo Fiscale ha avuto molti padri. Partiti, banche, Confindustria, sindacati, il presidente della Repubblica, la criminalità organizzata. Nessuno di loro ha alzato la voce, non la Marcegaglia degli inceneritori, non Luca Cordero di Montezemolo, non la Triplice, non l'Associazione Bancaria Italiana (ABI), non Morfeo. E non ci potevamo aspettare che lo facessero al loro posto le MAFIE!!! 300 miliardi di euro non dichiarati al fisco rientreranno in Italia. Con una tassa del 5% saranno riciclati nell'economia italiana con la garanzia dell'anonimato. Quando varcheranno la frontiera saranno le banche le prime ad accoglierli. I banchieri dell'etica nella finanza, tra cui Passera e Profumo, ospiteranno i capitali mafiosi, estero su estero, sottratti alle tasse, frutto di bancarotta nei loro depositi. Hanno rifiutato i Tremorti bond, ma accettano con gaudio i Mafia bond. Chi, realisticamente, può disporre di decine o centinaia di milioni di euro all'estero se non i medi/grandi industriali? Ora, per finanziare le loro imprese in un momento di crisi, hanno bisogno di far rientrare capitali "puliti". Per loro lo Scudo Fiscale è una manna. Gli immobiliaristi con il credito a secco e il cemento in corso hanno bisogno di ossigeno per la loro attività devastatrice del territorio. E lo avranno grazie allo Scudo Fiscale. Il silenzio dei sindacati si spiega soltanto con la speranza di lavoro, lavoro, lavoro. Non importa se da capitali di evasori, se per opere inutili o dannose. Tutti in torta, tranne i cittadini che si ostinano a pagare le tasse contro i loro stessi interessi. I capitali di rientro favoriranno la concorrenza sleale, faranno fallire le imprese oneste, in particolare le piccole e le medie che pagano tutte le tasse, anche quelle presunte, anche con un anno di anticipo. L'evasore condonato che paga il 5% può reinvestire, diminuire i prezzi, comprare aziende. Chi paga il 60% pronta cassa, può solo cercare di sopravvivere. Per ultimo c'è il grande senso di sconforto di chi ancora, testardamente, coltiva il piacere dell'onestà e forse, non se lo può più permettere. Bisogna avere una grande forza d'animo per pagare le tasse. Per vedere gli evasori premiati. I furbi con il Suv e la barca e la tua azienda fallita o licenziato. Per pagare le bollette sempre più numerose e più care. Gli ultimi saranno i primi, forse. Ma gli onesti in Italia sono sicuramente gli ultimi. Gli stupidi, i fessi. Coloro che sono derubati anche dell'orgoglio di fare il proprio dovere."
Da un post di Marco Dallai della lista civica Guardiastalla 5 stelle e dell’Olandese volante.
Lo  Scudo Fiscale è una protezione che lo Stato offre a chi ha commesso una determinata serie di reati finanziari (evasione fiscale, falso in bilancio) e ne ha nascosti i proventi all’estero. Lo Stato dà la possibilità di riportare i soldi in Italia, pagando una modica cifra e in ANONIMATO. Quindi si può parlare di omertà, complicità e favoreggiamento di Stato. Chi ci perderà, come sempre, saranno i cittadini che pagano le tasse, solitamente più poveri dei criminali evasori, perché pagheranno i servizi dello Stato anche per i ladri. L’approvazione di queste legge, assieme al fatto che il precedente governo Berlusconi ha praticamente polverizzato la punibilità per evasione fiscale, è un altro incentivo a non pagare le tasse, perché tanto prima o poi ci sarà un altro condono e si pagherà le tasse per il 5% invece che il 50. Ma si usufruirà al 100% dei servizi che gli altri cittadini, quelli onesti, e  che pagano tutte le tasse, forniranno: le strade, la luce, l’acqua, la nettezza urbana, la scuola, la sanità. Alcuni potrebbero dire che anche all’estero si fanno i condoni fiscali. E’ vero anzi verissimo peccato solo che la tassa da pagare sui capitali in rientro non è del 5% ma passa dal 15% della Francia al 49% degli Stati Uniti. Ed inoltre NON in anonimato. Anzi si deve pure rivelare in che modo, quando, perché, dove il denaro è stato portato. È l’ennesimo condono dell’era Berlusconiana. E dire che Tremonti aveva dichiarato che non ci sarebbero stati mai più condoni. Va beh è anche vero che smentire se stessi è abbastanza diffuso tra la maggioranza di governo.
Sono qui per chiedere al PD di sanzionare severamente i deputati assenti al voto finale sullo scudo fiscale come dai loro rappresentanti garantito agli elettori in numerose rassegne stampa.
SUL FONDO SOSTEGNO AFFITTI PER I CITTADINI DISOCCUPATI
post pubblicato in diario, il 8 ottobre 2009
Da:
umberto pelliccia <umberto_pelliccia@yahoo.it>

A:italia.valori@consiglio.regione.lombardia.it



Buongiorno,
sono un cittadino italiano,  residente a Milano, ho 38 anni, sono iscritto al Vostro partito e sono un consulente informatico.
Rispondo alla Vostra pubblicazione, del 21 settembre 2009 su Il Fondo sostegno affitti per i cittadini disoccupati, delibera numero 10130 del 07 agosto 2009 della Giunta Regionale lombarda. Stamattina chiamo l'Assessorato delle Opere Pubbliche, Politiche per la Casa e Protezione Civile (perchè tutti insieme è un mistero) in Via Fara, 26, Milano tel.02/67655733 per sapere se avevo diritto a questo "aiuto ai residenti".
Il primo fatto di cui vengo a conoscenza è che la domanda per accedere al contributo regionale poteva essere presentata dal I giugno 2009 al 15 settembre 2009,  perchè "data la crisi", il Fondo sostegno affitti ha deciso di anticipare i termini di richiesta per il contributo. L'effetto è stata la diminuzione di circa il 50% delle richieste, dovute al fatto che molti sfaccendati magari, data la quasi nulla informazione sulla procedura (impossibile citare il sito della Regione, che è poco intuitivo per me che sono un utente avanzato, e che comunque non è un servizio offerto da essa, siccome non c'è stata nessuna proposta di diffusione gratuita del wifi, ne sono stati creati internetpoint come servizio ai residenti) e la quasi nulla offerta di lavoro di questa estate, ne abbiano approfittato per andare a villeggiare da qualche amico. 
Quindi invece di 78000 domande ne saranno arrivate 39000.
Vengo inoltre a sapere che non ne avranno diritto coloro che pagano un mutuo anzichè un affitto.
A questo punto questa "misura straordinaria di intervento", per teorema e non per ipotesi, in realtà esce dalla precedente cassa!
Cito a questo punto la denuncia dei sindacati: 
Meno risorse per il Fondo sostegno affitti
La denucia di Cgil, Cisl Uil: più difficoltà, più bisogni e più esclusi
Milano, 31.03.2009
Cgil, Cisl e Uil della Lombardia hanno preso atto nella riunione odierna, in occasione della presentazione del Bando Fsa 2009, dei dati illustrati dall’Assessorato alle Politiche abitative circa il Bando concluso in dicembre. Nell’anno 2008, rispetto al 2007, le domande di contributo presentate sono aumentate dell’8%, passando da 72.173 a 77.988. Ciò nonostante, le risorse complessivamente disponibili (Stato, Regione, Comuni) sono diminuite da 81,3 a 71,5 milioni. Ciò ha significato che, nonostante le risorse aggiuntive stanziate dalla Regione Lombardia, la copertura sociale nel 2008 è scesa dal 40,3% al 38,8% del fabbisogno accertato – la somma necessaria ad assicurare un “canone sopportabile” alle famiglie aventi titolo al contributo – che nel 2008 è risultato pari a € 183.971.365. Le difficoltà di copertura del fabbisogno già emerse negli anni precedenti, insieme con quella attuale, aggravata dalla pesante crisi in corso, che sta determinando cadute di reddito e conseguente peggioramento delle condizioni non solo abitative per troppi lavoratori e lavoratrici, che vengono sospesi, stanno perdendo il lavoro o non lo trovano, avrebbe suggerito di stanziare più risorse per l’anno 2009; mentre, al contrario, l’entità prevista complessivamente diminuisce ancora. Al posto delle risorse aumentano invece inaccettabili – e disumane - discriminazioni: con l’applicazione da parte della Regione Lombardia della disposizione prevista dalla Legge 133/08, che esclude fra i soggetti aventi diritto a presentare la domanda di contributo, seppure in condizione di grave disagio abitativo, gli immigrati non residenti da almeno 10 anni nel nostro Paese, di cui almeno 5 nella nostra Regione. Cgil, Cisl e Uil, senza disconoscere gli sforzi della Regione Lombardia, maggiori in rapporto ad altre regioni per quantità di risorse aggiuntive a quelle nazionali, che negli anni sono andate costantemente riducendosi, rilevano che l’insufficienza complessiva – insieme alle inaccettabili discriminazioni, che minano la portata e il significato del Fondo, oltre che cancellarne il carattere “universalistico” - di fatto lo rendono meno efficace per rispondere davvero alle difficoltà abitative degli inquilini a basso reddito, soprattutto in tempi in cui sofferenze e difficoltà tendono ad aumentare notevolmente. A questo si aggiunge l’incomprensibile ritardo nell’erogazione dei contributi per il 2008, che a fine marzo 2009, non sono ancora stati distribuiti. Cgil, Cisl e Uil lombarde invitano la Regione Lombardia a promuovere iniziative per rendere più celere l’erogazione e a voler prevedere risorse adeguate al fabbisogno accertato, senza discriminazione alcuna! 

La povera segretaria, che naturalmente incasserà le nevrosi causate da tale difficoltà di accesso a questo "Fondo sostegno" durante tutto il suo orario di lavoro, mi ha detto che ne beneficeranno, dopo un'attenta analisi del problema, anche le famiglie residenti in abitazioni popolari, che presumibilmente a basso reddito, non avranno accesso al web per venirne a conoscenza (sempre che e mi ha consigliato per la prossima volte di consultare il sito web della Regione Lombardia(...)

Altro appunto, se guardate all'indirizzo della Vostra pubblicazione http://www.gruppoidvregionelombardia.it/?p=655 nell'unico commento esterno che c'è, che è mio, chiedo se ne abbiano diritto anche i precari. La risposta dell'Ing Lorenzo Zappullo è stata "Ulteriori informazioni all’interno della delibera oppure sul sito http://www.casa.regione.lombardia.it "(...)
Cliccando sulla parola "delibera" (all’interno dell’articolo) si può scaricare la stessa e leggere tutte le categorie di persone a cui è rivolto il fondo.
Ing Lorenzo Zappullo
Gruppo IDV Regione Lombardia

Vorrei a questo punto farci fare due risate sulle premesse di questa delibera:
Premesso che:
* L`attuale momento di crisi economica derivante dalla situnzione di forte regressione dei mercati finanziari e delle economie nazionali, apertasi a livello mondiale nel corso dell’anno 2008, ha avuto e continua a manifestare ricadute estremamente negative sotto il profilo cccupazionale
anche nell'ambito della nostra Regione;
* Numerose iniziative pubbliche e private hanno previsto efficaci modalità di intervento per mitigare gli effetti dell'incontrollato aumento dei tassi a calcolo variabile, relativi ai mutui ipotecari contratti per l'acquisto della prima casa di abitazione;
* Appare quindi necessario intervenire tempestivamente per mitigare le conseguenze della grave crisi economica in atto mediante l'erogazione di un contributo straordinario destinato all’abbattimento del canone di locazione sostenuto dalle famiglie residenti in abitazioni in affitto, che si trovano in difficoltà econamica a causa del licenziamento o della messa in mobilita di uno o più dei propri componenti;

"Da notare - ha aggiunto l'assessore alla Casa e Opere Pubbliche, Mario Scotti - che ai 56 milioni sono destinati ad aggiungersi i fondi che annualmente i Comuni stanziano dopo la chiusura degli sportelli, cosicchè in totale i soldi disponibili per il 2009 saranno superiori a quelli degli anni precedenti, nonostante il momento difficile per il Paese".

L'unica conclusione che ho è che sono stato raggirato in malo modo, in un periodo di difficoltà, dalla Regione Lombardia, io e chissà quante migliaia di residenti.


Umberto Pelliccia
+393389012569


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fondo sostegno affitti

permalink | inviato da capitanoinmare il 8/10/2009 alle 13:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Sfoglia settembre        gennaio
calendario
rubriche
tag cloud
links
cerca